Cosa fare a Santorini

Ciao ragazzi,

dopo il post di ieri in cui vi ho dato qualche informazione utile sull’isola, oggi come promesso, vi descriveró brevemente  cosa è possibile fare nelle ahimè poche ore di sosta.

Tra i luoghi principali da vedere ci sono:

1. Fira (Thira): é il capoluogo dell’isola ed è il primo posto che si raggiunge una volta presa la funivia o percorsa la mulattiera. É il cuore pulsante dell’isola, ricca di negozi e locali che si affacciano sulla caldera. Può essere facilmente girata a piedi. Da non perdere la visita alla Cattedrale Metropolitana ortodossa, ricostruita nel 1956 dopo il terremoto che aveva colpito l’isola. Questo luogo di culto è dedicato a Ypapanti, nome con cui viene dedignata la presentazione di Gesù al Tempio. 

Nelle vie interne potete trovare numerosi negozi di souvenir e abbigliamento ma soprattutto ottimi localini che preparano i Souvlaki, pietanza tipica greca. A Fira è possibile noleggiare inoltre auto,scooter o quad per spostarsi in libertà  sull’isola.  Per chi preferisce spostarsi in bus (ad esempio per andare a Oia) c’e una stazione degli autobus. Da qui partono tutte le linee. Ecco qui una cartina per vedere dov’é situata.

Informatevi bene soprattutto sugli orari degli autobus per organizzare il vostro ritorno.

Ecco alcune foto di Fira scattate da me

2. Oia: credo che questo villaggio sia il più caratteristico e pittoresco dell’isola, con le sue splendide case bianche e le sue cupole blu, con le sue stradine colorate, i negozietti e le sue gallerie d’arte. Io ho visitato Oia con l’escursione organizzata da Msc. Dopo essere sbarcati con le lancie al porto di Athinios, abbiamo preso un autobus che ci ha condotti prima di raggiungere Oia, in un’enoteca che aveva una terazza da cui si poteva godere di una vista spettacolare, dove ci é stato offerto il Vin Santo (tipico di Santorini) accompagnato da buonissime olive greche.

Dopo questa breve sosta, il viaggio è proseguito verso Oia. Non credo ci siano parole che possano esprimere la magia che trasmette questo luogo. Si ha la sensazione di essere in un dipinto, in un luogo talmente bello da sembrare surreale. Purtroppo il tempo a disposizione era poco, quindi abbiamo fatto una passeggiata sulla via principale (la guida ci ha consigliato di non svoltare mai, poiché Oia è come un labirinto e se ti perdi e non conosci e difficile ritonare al punto di partenza in tempi brevi!) e  abbiamo scattato numerose foto approfittando del tramonto che ci faceva da cornice.

Se invece preferite rilassarvi in riva al mare Santorini offre stupende spiagge. Tra le più conosciute ci sono:

1. Spiaggia di Perivolos: é la spiaggia dalla sabbia grigia (spesso le crociere la propongono fra le loro escursioni)

2. Red Beach: caratterizzata da come suggerisce il nome dal colore rosso

3. Kamari: definita la spiaggia nera a causa della sua sabbia di questo colore, é la più grande di tutta l’isola. Si estende per quasi 5km. É attrezzata e ricca di luoghi di intrattenimento e negozi.

Se volete portare a casa qualcosa da mangiare consiglio i pistacchi sono decisamente divini!

Insomma avrete capito che in quest’isola ci ho lasciato un po’ il cuore… chissà che un giorno io non possa tornarci, questa volta però per più di qualche ora.. magari per una settimana di relax, per riuscire a vivermela intensamente!

0

Rispondi